Niccolò Fabi

Il giorno in cui sei arrivata
si è aperta una porta su un mondo
che non conoscevo
hai portato con te una parte di me
che adesso è il mio vanto
mi hai trovato abbracciato a un ricordo
seduto e annoiato davanti a uno specchio
ho sentito di avere il permesso
di chiudere gli occhi e aprire le braccia

è possibile spingerci insieme
oltre i confini del tempo
come certe idee come le maree
come le promesse
è possibile andare lontano senza avere paura
come certe idee come le maree
come le promesse che si fanno

adesso siamo compagni di vita
di vita sognata
e di sopravvivenza
la nostra casa è arredata con i tuoi colori
e con le mie parole
i nostri libri mescolati insieme
intrecciano e fondono le nostre storie
ma i segreti nascosti dentro i cassetti
quelli non si raccontano
il nostro amore si sporca le mani
ogni giorno col fango
chiude le sue idee
chiude le maree
chiude le certezze
il nostro amore è sospeso nel vuoto
ma i piedi per terra
chiude le sue idee
chiude le maree
chiude le certezze che si hanno
che si hanno

tu sei la luce e la pace
la comprensione della sofferenza
io sono la voce e la direzione
le spalle e la malinconia
così abbiamo unito anche il sangue
per coltivare il nostro giardino
e per quanto saremo capaci di farlo
noi lo custodiremo

se potessimo spingerci insieme
oltre i confini del tempo
come certe idee come le maree
come le promesse
se potessimo andare lontano
senza avere paura
come certe idee
come le maree

questa è la promessa che ti faccio
io... la mia promessa...